• Greta Paolini - Liceo C. Colombo

Cos’è la Consulta Provinciale degli Studenti (C.P.S.)?

Oggi abbiamo come nostro ospite Valentino Ferrari, il segretario della Consulta provinciale degli studenti di Genova. Siamo qui per porgli alcune domande al fine di conoscere meglio questo organismo istituzionale e capire quali funzioni esso svolge.


S/M: Eccoci Valentino, sei pronto per iniziare?


V: Sono nato pronto… Comincia pure!


S/M: Apprezzo il tuo entusiasmo! Direi di partire dal principio: ci spiegheresti in breve cos’è la Consulta?


V: La Consulta è un’istituzione studentesca che ha alcuni compiti specifici tra i quali quello di garantire il confronto tra le varie scuole, cercare di risolvere i problemi più condivisi, proporre iniziative creando sportelli ed organizzando eventi, ma cerca anche di porsi come tramite con altre istituzioni.


S/M: Grazie per tutte le preziose informazioni! Ora che ci hai dato la definizione di questo termine sicuramente le cose si presentano già più chiare… Possiamo chiederti in cosa consiste il tuo ruolo all’interno di questo organismo?


V: Certo! Io quasi due anni fa sono stato eletto come il Segretario della Consulta, quindi mi occupo di redigere i verbali delle riunioni, inoltre svolgo altre funzioni burocratiche in quanto membro della Giunta di Presidenza. Ad essa prende parte anche il Presidente della Consulta: è qui che discutiamo di come mettere effettivamente in azione ciò che è stato proposto durante l’assemblea con gli altri rappresentanti della Consulta.


S/M: Wow, perfetto! Di quali progetti vi siete occupati ultimamente?


V: Essendo in dialogo con l’assessore e con la Regione abbiamo portato a termine diversi progetti. Ad esempio nelle scorse settimane abbiamo creato un sondaggio per sapere cosa ne pensassero gli studenti in merito del rientro a scuola: hanno risposto in 7000 su 30000 -un bel successo, considerando che è stato svolto in modalità online!-. Riguardo ai suoi risultati qualche giorno fa abbiamo scritto un articolo che è stato pubblicato su alcuni giornali, ma in futuro ne faremo sicuramente altri.

Oggi invece è in corso la votazione per una riforma che ho proposto di attuare nel regolamento interno della Consulta: spero che sia approvata! Successivamente verranno organizzati eventi ed iniziative su diversi temi, come ad esempio l’educazione civica e quella sessuale. Poi si vedrà, l’anno ancora non è finito!


S/M: Avete ottenuto molti successi, dev’essere bello veder realizzato il progetto a cui si è al vertice!


V: Assolutamente, la soddisfazione è grande!


S/M: In conclusione… Che consigli daresti agli studenti interessati alla tematica? Secondo te ci sono delle qualità necessarie per entrare a far parte della Consulta?


V: L’unica qualità richiesta è aver voglia di lavorare, se questa non c’è entrare in Consulta diventa inutile, sia per sé che per gli altri… Serve conoscere bene l’organismo ed essere consapevoli di dove si entra al momento della candidatura. Per muovere i primi passi consiglio di informarsi riguardo alla propria Consulta di riferimento e poi di presentarsi dimostrando a tutti la propria persona.


S/M: Grazie per il tuo tempo Valentino! Ci hai dato delle informazioni molto preziose e precise, ti ringraziamo per la tua disponibilità: credo che la nostra conversazione sia stata molto utile!


V: Grazie a voi per la proposta: è stato un vero piacere parlare con voi!



Di Greta Paolini, Liceo C. Colombo, 4°D