• Greta Paolini - Liceo C. Colombo

Viaggi nel 2021

Dopo mesi di reclusione domestica penso che chiunque di noi giovani non veda l’ora di poter finalmente uscire e star lontano da casa per un po’. Purtroppo viviamo in un periodo di totale imprevedibilità e normalmente le comunicazioni ci giungono con scarso preavviso.


Penso che chiunque di noi abbia in mente un luogo preciso in cui non vede l’ora di andare non appena le norme lo consentiranno: ma quando avverrà ciò? Ovviamente non possiamo dire nulla di preciso perché la situazione non è ancor ben definita: la campagna vaccinale sta progredendo e sembrano esserci comunque dei miglioramenti progressivi. I progetti ci sono e la volontà di ottenere maggior libertà è tanta: ricordiamoci inoltre che il settore del turismo ha un'incidenza rilevante nel PIL Italiano. L’andamento della pandemia non è regolare e tutto può cambiare.


Nelle recenti vacanze Pasquali abbiamo assistito ad un paradosso: era lecito prendere un volo internazionale (con destinazione un Paese Europeo del fantomatico “elenco C”) ma non fare una passeggiata nel comune limitrofo…

Molti ripongono le loro speranze nell’estate, ricordando quella del 2020: dopo tre mesi di lockdown abbiamo potuto “rifarci”, ma purtroppo la situazione è nuovamente peggiorata con l’inizio dell’autunno e la ripresa dell’anno scolastico.


Purtroppo non c’è una chiara risposta all’interrogativo “quando potremo viaggiare di nuovo?” perché questo rimane ancora un’incognita. È certamente possibile però fare alcune previsioni e cercare di rimare ottimisti. Iniziare a pensare alle mete estive può per lo meno aiutarci a “tenere duro” per queste ultime settimane di scuola… In generale i giornali, considerando la situazione globale, parlano di limiti simili alla scorsa estate: forse saranno raggiungibili alcuni paesi a noi vicini, ma probabilmente bisognerà posticipare -ancora una volta- i voli intercontinentali… Il messaggio è quindi quello di andare sul sicuro e scegliere località della nostra penisola, che fortunatamente offre panorami variegati e può soddisfare quasi tutti i nostri desideri. Insomma, bisogna sperare nel meglio ma anche essere preparati al peggio! Si vocifera di “immunità di gregge” in Europa entro luglio, trasporti “Covid-free” e “passaporti vaccinali”, ma nulla è ancora stabilito: sicuramente si cercherà di evitare i danni economici registrati nel settore turistico lo scorso anno.


Tutte queste limitazioni non hanno fatto altro che aumentare il nostro desiderio di libertà e di evasione. Viviamo in un periodo storico assolutamente fuori dal comune e non sappiamo come muoverci: c’è la paura ma anche tanta speranza.



Di Greta Paolini, Liceo C. Colombo, 4°D